Il canto del cigno

“Diario pubblico” di Giovanni Torres La Torre

Un cigno nero scende sul cantare dell’acqua,
sinfonia, ma quale sia che aiuta a ricordare
intreccia filari di labirinto,
tralci in apparente movimento accompagnano il viaggio
del passato che non c’è più,
ritmo della vita che dipana il gomitolo
del cielo e della terra quando si compone e scompone,
difficile poesia di una realtà esistenziale
che il mistero d’altro corpo di nome Anima
guardandosi allo specchio proclama essere sua bellezza.
Restano soavi tralci di infanzia vesuviana
con fanciulla metafica che insegue premura di cerchio,
ma non è dato sapere che vino verra’
dai grappoli dipinti, se trasparenza d’oro
o vivo sangue per la vendemmia della vita.
Al cigno ha ceduto il fiato la voce di Cettina*
bellezza di volto che lascia andare
la sua anima come foglia sull’acqua musicale che corre
verso il mare ove il dolore del mondo si acqueta nel seno
di scialle di spuma, ricamo di guanciale
che sussurra ti voglio bene, prima che si spezzi la catena
nel fatale anello del cedimento.

Capo d’Orlando, Piazza Municipio, 16 Agosto 2018

* Voce di Cettina Fabio, del gruppo composto da Nino Milia, Santo Azzolina e Daniela Giaimo, che si è esibito nel “Notturno di poesia e musica”, con la presentazione del libro “Desiderio di chimera si sublima” di Giovanni Torres La Torre, editore Aracne di Gioacchino Onorati.

La tua email non sarà pubblicata. Nome ed email sono campi obbligatori.