Maledetti

MALEDETTI

di Giovanni Torres La Torre

 

Vi diciamo della nostra inquietudine, delle luci edelle ombre

che il fuoco brucia

sbarrando gli ultimi indugi

a impossibili sogni che anelano invano al divino

nel tempo crudele che respinge i passi dell’ospite straniero.

Vi diciamo dei luoghi appartati dei nostri nidi

e degli uccelli,

di quegli spazi dell’anima chiusi nei silenzi

dei nostri silenzi,

di quel tempo finito che volge alla conclusione della vita

e poi riprende e continua

malgrado il fuoco di tutti i disastri.

Vi diciamo di quel tempo di poesia che non deve morire

per sentire ancora i fremiti delle foglie,

le preghiere di tutte le erbe della terra e i sussurri dei venti

e le voci dei cavalli e degli agnelli,

il ronzio musicale delle api del bosco della memoria,

la solitudine della nostra disperazione.

Per tutto questo, siate maledetti a nome delle siepi di more

che accompagnavano i viottoli dei viandanti

ora inceneriti dal vostro fuoco;

maledetti dai colori delle ali delle farfalle e deifiori,

dalle corone delle montagne

e dai paesaggi anneriti dai vostri misfatti.

Maledette le vostre mani

che hanno incendiato le colline della vita,

gli orizzonti lontani e i paesaggi della bellezza.

Chi ha ancora voce per farlo vi maledica, vi condanni la Legge e vi condanni

l’Altare.

Restino mute le campane del vostro ultimo viaggio.

Siate maledetti a nome dei bambini che nasceranno,degli uccelli, del prugno

e delle felci,

a nome delle porte delle case, dei filari delle vigne

e della pergola dei nostri avi alla cui ombra non riposerà più la loro

memoria.

Siate ancora maledetti.

Capo d’Orlando 30 settembre 2012

This entry was posted in Poesia.

La tua email non sarà pubblicata. Nome ed email sono campi obbligatori.