I giorni della merla

di Giovanni Torres La Torre

Ancora una volta sono andati via
i giorni della merla
con la delusione stretta sotto le ali,
un dolore per il lutto del mantello
che non vuole mutare
nel bianco di una rosa.

Non sono uguali i due colori
dell’anima del giorno e della notte;
tengono quel fiato
nella somiglianza
di mani di innamorati,
quando la sera scolora
e dopo l’alba apre le finestre,
allegra congiunge la voce
al nome degli astri del desiderio.

Stelle devote alla loro luce, vanno a dormire
con godimento cercando ogni volta
l’altro cielo che verrà;
mai sarà la stessa, forse più stanca
nell’attesa del sogno che andrà a cercarle.

Non è dato sapere quanta bellezza
di un fiore di prato, assomigli
al tepore di un bacio che assale le vertigini,
e cosa chieda al passante
il geranio che affaccia il petto alla finestra,
e quale amore conceda
nel vetro che saluta lo specchiarsi
da altro balcone.

Sono fiori la cui anima ha una visibilità mutante,
a volte portano un solo bocciolo,
a volte tanti e insieme vivono la stessa pausa
quando si spengono i lampadari
e si ode alitare palpito di farfalle.

E’ il petto nero della tua ala, amica merla!,
nello splendore di uno scialle,
o il bianco negato del gelsomino
quando giri gli occhi e lo vedi nevicare,
leggero e pacato nel passo della formica
che trascina una trave grande come un fuscello.

Capo d’Orlando 19 Gennaio 2019

This entry was posted in Poesia.

Your email will not be published. Name and Email fields are required