Le foglie morte cadono a mucchi

“Il socialismo italiano è nato nell’anarchismo… e ancora oggi il DNA anarchico credo giochi un ruolo… spaccarsi è una malattia antica”, Emanuele Macaluso, intervista a La Repubblica, 5 ottobre 2017.

 

Le foglie morte cadono a mucchi¹

di Giovanni Torres La Torre

Le foglie morte cadono a mucchi…,
ricorda, ancora che puoi farlo, le parole del poeta.
A vederle cadere, oro rubato, sotto il mantello
di un castagno, la memoria rintraccia una nostalgia,
ma sono i volti dei padri, altro grande amore
che ritorna nelle fisionomie umili nei loro pastrani,
dote di antenati, che profumano ancora di fumo di carbone,
trattengono la nebbia che non scolora, il biancore
del latte di quando il gregge veniva munto nello stazzo;
sono i profili antichi di arabi e normanni,
i gesti delle mani e delle parole
che hanno fatto la povertà e la ricchezza della nostra storia,
i canti popolari e la scuola poetica siciliana,
delle rivolte soffocate nel sangue.
Sono loro che raccontano ancora storie parallele,
di quanti hanno lasciato amici parenti e amori, per emigrare
nelle città del nord ove li attendevano i lancieri del re;
tradite le promesse delle camice rosse dell’unità della Patria
le parole di pace libertà lavoro, terra e non guerra,
erano reato e la vita migliore promessa, un inganno.

II
Di anni ne sono passati molti e col volto di tante tragedie,
di conquiste e sconfitte della ragione,
la storia non ha risparmiato niente al quarto stato,
ai figli venuti dopo e dopo ancora con sulle spalle
il peso tragico di belle utopie, anni e anni di maledizioni
a infliggere ferite alle mani innocenti
dei primi giorni di scuola, e poi, da grandi, alle pagine
dei libri finalmente conquistati che raccontavano
una vita che non merita rimpianti.

III
I momenti di gloria nella sconfitta dei tiranni
non hanno insegnato niente, da epilogo a epilogo
non è una maledizione che perseguita gli eredi,
ma voglia oscura e maledetta di suicidio che viene da lontano,

incapacità a capire le lezioni della storia,
della vita che ha maturato altra scienza,
altri amori, altri sogni e altre realtà.
Le foglie morte cadono ancora a mucchi…

   ¹) Un verso di Jacques Prévert

Capo d’Orlando, 5 Ottobre 2017

La tua email non sarà pubblicata. Nome ed email sono campi obbligatori