con Silvia Ripoll López e Giovanni Torres La Torre

Ospite d’onore la dea Proserpina
“Diario pubblico”, di Giovanni Torres La Torre

Consultati per l’intera nottata alcuni riepiloghi di poeti e scrittori latini, non ho trovato traccia di quanto in questi luoghi dei Nèbrodi si tramanda –, da antenato ad antenato e per ere geologiche della parola –, del volto di una donna, del suo gesto di divinità nel seminare l’origano, catalogato come Origanum vulgare, della famiglia Labiàte, aromatica florescenza di terre aride, da luglio a settembre in profumo di miele, vicina di casa della maggiorana.

Smaliziate voci e per rendere omaggio ai miti dei luoghi, raccontano di gesti e passi di donna aggirarsi per i boschi nella mevenza di spargere invisibili sementi giunti dalla Grecia. Anche a noi è capitato di vedere e sentire vagolare un’ombra, somigliante a un volto che la mitologia tramanda: la dea Proserpina, ospite della festa del libro “Desiderio di chimera si sublima”, editore Aracne.
Nella notte dell’incanto celeste, era là, nella piazzetta della musica e della poesia, in S. Salvatore di Fitalia, nidi di case, calde seppure in fioca luce, finestre spente in altre.

Mostra sul tema: “VISIBILITA’ MUTANTI” di Silvia Ripoll Lòpez e di Giovanni Torres La Torre, S. Salvatore di Fitalia, 27/07/2018

Presentazione della raccolta di poesie di Giovanni Torres La Torre “Desiderio di chimera si sublima”, S. Salvatore di Fitalia, 27/07/2018

 

“Diario pubblico”, di Giovanni Torres La Torre

Non si rintraccia nel panorama della produzione artistica tramite fotografia, una così chiara impronta come nella personalissima modalità che propone Silvia Ripoll Lòpez nella prima esposizione di sue opere.
In altre occasioni abbiamo definito i suoi ritratti “visibilità mutanti con seconda pelle”, oppure, citando Rainer Maria Rilke, ricordato quanto ebbe a scrivere ne I quaderni di Malte Laurids Brigge: “C’è un’infinità di uomini, ma i volti sono ancor più numerosi poiché ciascuno ne ha più d’uno”.

DESIDERIO DI CHIMERA SI SUBLIMA

Aracne, 2017

“Su due cose concordano tutti i linguisti: a) la lingua serve per comunicare; b) tra le parole
e le cose c’è un rapporto arbitrario. Chi scrive questa pagina pensa, invece, che le parole
non abbiano soltanto la funzione di comunicare. Esse hanno anche la funzione di dire
<<ciò che è>>, cioè di <<dire l’essere>>.
La parola “realtà” (per fare un esempio che valga per tutte), quando la usiamo nella sua funzione comunicativa significa <<ciò che è vero>>.”

ARABA FENICE

Pungitopo, 2016

“Nel 1975, alla consegna del premio Nobel, Montale pronunziava un discorso dal titolo quanto meno scabroso e poneva inevitabilmente una questione: È ancora possibile la poesia?”

LUNA VISIONARIA

Prova d’Autore, 2015

“Luna che legge… Inquieta, a piedi nudi / si avventura una luna di cera / e nelle ombre delle porte / bussa cercando riparo” scrive Giovanni Torres La Torre in Luna visionaria: “Luna visionaria / di Miguel de Cervantes / […] / Luna nelle notti delle civette / […] / Luna dei nidi nascosti tra le chiome dei boschi / […] / luna dell’umanità dolente. / Tragica luna nelle chiese delle preghiere”

TEATRO VIAGGIANTE

Pungitopo, 2009

“Simultanee, come inseguite da un ansioso raggiro di vertigini, disordinate e insieme vincolate da un oscuro disegno degli archetipi, arrivano le immagini di una città cresciuta nel tumultuoso abisso del suo mito. Città di una sicilia sempre impastata di tutta la sua storia.”

 

Continua a leggere la prefazione di Giuseppe Amoroso

 

 

_____________________________________

RASSEGNA STAMPA

Carla Biscuso

“Un mondo sospeso tra il sonno e la veglia”, La Sicilia, 11 Gennaio 2010

Aldo Ettore Quagliozzi

“Strettamente personale. Leggere Teatro viaggiante “, Ilcavalierdelamancia, 26 Gennaio 2010

CON PATIR DI CUORE

Pungitopo, 2008

 

 

 

 

 

 

_____________________________________

RASSEGNA STAMPA

Carla Biscuso

“Acrobazie fantastiche nel castello di Caronia”, La Sicilia, 4 Marzo 2009

Giuseppe Amoroso

“Racconto ambientato in un luogo fermo in un tempo incantato”, Gazzetta del Sud, 11 Dicembre 2008

_______________________________________

GALLERIA FOTOGRAFICA

Presentazione del romanzo a Villa Piccolo,
Capo d’ Orlando, 8 Agosto 2009

 

IL BOSCO DELLA MEMORIA

Prova d’Autore, 2005

“In un paese come l’Italia, che, insieme alla Spagna, conterebbe in Europa il maggior numero di parlate dialettali, la Sicilia, pur nella sua generale stabilità linguistica, diversamente da talune aree della penisola a prevalenza bilingue (col Tedesco in provincia di Bolzano, lo Sloveno a Trieste o il Francese in Val d’Aosta) presenta, oltre al sistema vocalico di conio latino, molteplici variabili idiomatiche e una persistente congerie di forme allogene (greche, arabe, gallo-italiche, spagnole; o albanesi, nella provincia di Palermo).”

Continua a leggere la Iprefazione di Stefano Lanuzza

 

 

______________________________

RASSEGNA STAMPA

Invito alla lettura

XXXVI Premio Brancati

Finalista, Zafferana, Settembre 2005

Carmelo Pirrera

Presentazione

Carmelo Pirrera (II)

Giuseppe Amoroso

“Un universo picaresco governato dalla follia”, Gazzetta del Sud, 10 Settembre 2005
Poi in G. Amoroso, “Raccontare l’assenza”, Liguori editore, 2007

Stefano Lanuzza

“Insulari – Romanzo della letteratura siciliana”, Stampa alternativa, 2009

Aldo Gerbino

Presentazione in occasione della mostra “Quaranta facce di carbone”
S. Stefano di Camastra, 13 Maggio 2006

Intervista con l’Ombra

Intervista di G. Galipò, L’ isola delle meraviglie, n.5, Giugno 2007

CARTA RANDAGIA

Prova d’Autore, 1991

“Un romanzo da leggere e meditare nonostante o proprio in virtù di un’assenza di storia usuale? Certamente. Un testo da rappresentare per luoghi simbolici? Forse. Una prova di funambolismo inventivo? Probabilmente. Ma soprattutto un libro molteplice che, con andatura svagata e sensitiva, poetica e folgorante, di palese timbro isolano, dichiara una personale pronunzia del narrare.”

Continua a leggere la prefazione di Flora di Legami

 

 

 

_____________________________________________

RASSEGNA STAMPA

Giuseppe Amoroso

“L’addio alla memoria”, Gazzetta del sud, 6 Gennaio 1993

Laura Rizzo

Presentazione, Capo d’Orlando, 20 Febbraio 1993

Ester Monachino

“Frammenti di quotidiano”, La Sicilia, 20 Marzo 1993

Rosaria di Caro

in AAVV, Volti e pagine di Sicilia (a cura di S. Noto), Prova d’Autore