In evidenza

È ancora tempo di massacri
di nuvole di carne
in città e mari e ghetti di fili spinati.
Non si sono ravveduti
figli di figli degli ingegni della morte
dei forni crematoi.
Gente comune di condominii di coltelli
briganti di ogni risma e chiesa
impazzano nelle Palestine del mondo

Veglia l’ombra ancora dolente dei martiri
e anche tu, oh Luna premurosa!
Su cumuli di quotidiane macerie
porgi la tua luce di ragione e anima
sugli inganni della smemoratezza
di spettri che aleggiano
su montagne di ceneri sacre.

Giornata della Memoria, 2021

In evidenza

A madre natura


Transiti di frammenti di numeri e alfabeti
Del tempo che si ricompone
E delicate planimetrie di scavi
Conducono per tenerezze di carezze
Al non dove dell’ultima sera.

Quel che ritrovi tra macerie
Di manufatti dell’antica anima
Sono impronte dimenticate
In malinconica sepoltura
Di un qualche ultimo desiderio.

Placide forme di calchi
O disperate nel sonno della pena
Di estremi transiti
Rivivono in memorie di archeologie
Che appaiono per mostrarsi alle stelle.

Laboratorio dei linguaggi Torres

La poesia concorre al Premio Madre Natura con pubblicazione
Su Poeti e Poesia, direttore Elio Pecora

Capo d’Orlando, Messina, 18.1.2021

In evidenza

Corpo di pietra,
memoriale che resiste per essere visto,
contaminazioni di memorie
paralizzate in incubo di ultima sera.

Che festa d’amore fosse che non resta attesa
la faranno a pezzi
per goderne l’agonia,
sacrale squartamento di avvincenti miti.

Molteplicità di orbite
cave ad aspettare esuli di orizzonti
e palpebre di ombre ai sentieri,
con i loro incubi si accostano al sacrificio.

Ma c’è sempre un altrove di glicine di Plinio
a sbocciare sembianze di sogni vagabondi,
polline maturo al bacio delle ninfe
di ambigui intrecci di utopie.

Capo d’Orlando, Messina

Cartolina Torres 15.1.2021
Nella ph, centro storico Castello di Brolo, ME

Alla fiancata di tempo antico
si sono umanizzati colori di argille
e ferite di intonaci in attesa di visite.

Ma il passo sbarrato da sofferenza di croce
segnala che il tragico vivere
ha trovato altrove approdo definitivo.

La natura che rimane di serate di sospiri
è però luce che resiste in colore di camicia
e possibile transito a didascalie.

D vento, flauti-onde di Eolo
non smettono di fiatare leggende
e metafore dolenti di armonie.

Brolo, Messina
Centro storico del Castello, sul Tirreno.

Cartolina Torres, 11.1.2021
Testo e foto dell’Autore

La lettura di un’opera
offre a chi la contempla
la possibile traslazione di un morbo.

Può anche essere inaudita sorpresa,
spazio di architettura Romana,
continuum, idea e senso di contemplazione.

Tempo immaginario, sicchè la vista
è partecipazione creativa,
il non detto del sogno di Laura.

L’occhio soffre la sua ferita,
mondo di altra luce si affaccia e la luna
entra nel mitreo, a piedi nudi per lasciarsi accarezzare.

Capo D’Orlando, Villa Bagnoli, sul Tirreno, 09.01.2021

Ci provo, – sussurrò alla notte in agguato, il viandante , –
Turba il vero che si conosce e che confida al suo volto
Chiara fisionomia del sacro della vita
Ma già in un altrove, come di chi si smarrisce,
Quasi desiderio di abitare un altro mondo
Di rivelazione che tenta il recupero degli occhi
In altro visibile divenire

Testo di Giovanni Torres La Torre

Opera di Silvia Ripoll

Omaggio al Maestro Calogero Giallanza

Ostinazione di respiro di flauto,
ogni parola la propria varietà
di silenzi e suoni che si consumano
baciandola in combinazione di fiato.

Per altre volte sceglie di vagare
tra organico vocale con strette di osanna
e ritmica intensificazione
in cerca di note di palpebre.

Non è dato sapere di che natura siano
ma si offrono all’attesa della notte, spazi prematuri
che colmano in estasi
di pastorale che si incarna nella lontananza.

Si combina un qualche miracolo,
luminazione di Pan
abbandonata a destino di leggenda,
purezza della parola fiato di vento.

Dalle isole di cristallo
la magia di luce di mare
continua a navigare
ostinata nel volto come tango di esuli in costernazione.

Omaggio al Maestro
ascoltando i suoi suoni.

Capo d’Orlando – Naso, bosco di Amola , Dicembre 2020

….. mi dirai se domani sarà un altro giorno,
Se correrai per i campi
Con le gioie d’aprile nel cuore
E le erbe alte alla fronte…
Se il tuo cuore avrà messo le ali
E batteranno alla luce…
Se i tuoi figli saranno ancora senza libri…
Ti ascolterò….

Da Il contemporaneo, Giugno 1961 e dopo in Il gioco si corregge, Guanda, 1963

Ph di Riccardo La Torre
Parco di Scafa, Capo d’Orlando sul Tirreno,Messina

Cartolina Torres del 31.12.2020
Centrocopie e Mondadori point – esposizioni permanenti di Torres-Ripoll

BUON ANNO

Addio regina delle capre sacre!
Il fiato mi resiste
E sussurra con pena di ultimo vento.
Ma tu vuoi anche ascoltare
Altre voci amiche e felici
Spettegolare appuntamenti
Amorosi di sentieri
Desideri di erbe tenere
Della Valle dei Mocheni.

Addio Gudeta
La tua anima resta
Nella sacralità della terra.

Capo d’ Orlando, Villa Bagnoli, Messina

30.12.2020

Laboratorio dei linguaggi Torres-Ripoll
Auguri di fine anno 2020

P.S. Per Roberto Saviano

Noi, di nature che si amano, viviamo di luce.
si nasce vegetali e animali
con radici che si nutrono dello stesso pane.

Nei libri di ogni ragione
e di quell’altro mondo dell’anima
cerchiamo di esistere.

Altre libertà consentono infamie,
si devastano boschi e sorgenti
di ogni cultura di esistere

si offre ai piromani di ogni fuoco
l’ innocenza della parola, il sacro tabernacolo
di chiome di confini frangivento.

Di corpi di parole carne e anima
nel mirino dei carnefici
si consuma mercimonio.

Verona si sconsoli
agli occhi del mondo
per l’infamia che concede alla mattanza.

Daremo i libri di Saviano, sua condanna a morte,
alle biblioteche delle radici dei paesi umani
capaci di concedere la cittadinanza di vivere.

Le radici cercano la luce, 2020, tecnica mista
Opera di Giovanni Torres La Torre e Silvia Ripoll